.. e poi dite che non vi vogliamo bene! 🙂
In questo venerdi’ di meta’ maggio, invece di andare a fare un giro per Lisbona a vedere castelli e a mangiare pasticcini… siamo qui nelle vicinanze dell’Altice Arena a documentare la situazione! 🙂
Questo pomeriggio dalle 13.00 ora locale (le 14.00 italiane) si e’ svolta la prova generale della Finale di Eurovision Song Contest 2018: Artiste portoghesi all’inizio, poi sfilata dei rappresentanti delle varie nazioni che sono in Finale (con tanto di bandiere), poi esibizioni dei 26 artisti, poi finte votazioni…
Come e’ andata?
Come sempre ci sono state sbavature, interruzioni non previste, microfoni che non si sentivano e che mandavano in onda segnali automatici..    ma per stasera sara’ tutto ok! 🙂
in compenso mentre eravamo in Arena ci hanno avvisato che la Conferenza Stampa coi Big Five (Metamoro compresi!) era annullata per permettere loro di riposarsi, e che pero’ in giro c’erano I Lordi a sostenere Saara Alto per la Finlandia.
Mi sembra giusto…


Ma veniamo a noi!
Venerdi’ 11 maggio dalle 21.00 CEST (le 20 qui a Lisbona) si svolge la Finale per le giurie: e’ uno spettacolo completo, identico a quello che sara’ trasmesso sabato 12 maggio in diretta in piu’ di 43 Paesi (tutti i partecipanti e anche altri che hanno chiesto di poterlo fare… a proposito: la cinese Mango TV che aveva trasmesso la prima semifinale censurata, cioe’ eliminando la esibizione dell’Albania, per cantante tatuato, e dell’Irlanda, per ballerini con coreografia che racconta una same sex relation… e’ stata invitata dall’EBU a non trasmettere piu’ niente quest’anno.
Il taglia e cuci ideologico mi sa che non e’ gradito all’Eurovision… per fortuna!

Avevo detto veniamo a noi???

01. Ucraina: MELOVIN (Under the Ladder): come sempre, questo vampiro moderno si muove bene, forse la voce appare un po’ meno ferma del solito, credo senta la tensione. Oggi pomeriggio era piu’ rilassato

02. Spagna:  Amaia y Alfred (Tu Canción):Vi prego, ragazzi.
03. Slovenia:  Lea Sirk (Hvala, ne!): eh, sempre con questo finto problema tecnico, e lo stesso mi pare un po’ stanca. La chiusura con il testo in Portoghese e’ proprio una buona idea!
04. Lituania: Ieva Zasimauskaitė (When We’re Old): incontrata stamattina, tipa dolce ma tostissima, per me. Prestazione perfetta come sempre.
05. Austria:  Cesár Sampson (Nobody But You): non so a cosa serva la pedana che si alza, a parte fare spettacolo. Comunque lui dopo scende e procede con i soliti pantaloni col cavallo basso e la maglia che gli fa la pancia che non ha.
06. Estonia: Elina Nechayeva (La Forza): Non bisogna prenderla come una canzone in italiano, ma come un omaggio alle romanze liriche in italiano: solo cosi’si riesce a gustare la resa vocale e il vestito. E’ un prodotto unico.
07. Norvegia: Alexander Rybak (That’s How You Write A Song): lui tiratissimo piu’ delle corde del suo violino posticcio, ma certo che sa come si porta sul palco di eurovision una canzone!
08. Portogallo:  Cláudia Pascoal (O Jardim): Isaura e’ stata in sala stampa oggi! Esibizione emozionata ed emozionante. Ogni volta penso che potevano presentarsi come duo.
— pausa pubblicitaria: siparietti vari 
09. Regno Unito:  SuRie (Storm): ma UK non poteva portare un brano migliore? Lei e’ brava e sembra convinta, ma sinceramente… mah!

10. Serbia:  Sanja Ilić & Balkanika (Nova Deca): Ecco, sono stanca di sentirli, devo dire. Sono contenta che siano arrivati fin qui, pero’ non li premierei troppo.

11. Germania:  Michael Schulte (You Let Me Walk Alone): e’cresciuto man mano, perche’ una volta metabolizzato l’effetto EdSheeran poi il brano e’ bello, lui e’ bravo, lo staging perfetto.
12. Albania:  Eugent Bushpepa (Mall): Beh, vocalmente non gli si puo’ dire nulla. E’ veramente bravo.
13. Francia:  Madame Monsieur (Mercy): anche loro sono perfetti, identici nel look, nella interpretazione, nel coinvolgimento del pubblico in arena.
14. Repubblica Ceca: Mikolas Josef (Lie To Me): ggi pomeriggio ho parlato con una gionalista ceca che mi ha detto che Micolas anche se si e’ rotto alle prove fara’ il “jump”… sono in apprensione. .. fatto!! Ah, ‘sti giovani!
15. Danimarca:  Rasmussen (Higher Ground): i miei preferiti!! Mi piace l’atmosfera epica creata sul palco, e hanno cercato di coinvolgere il publico esortandoli a marciare… bravi!
16. Australia:  Jessica Mauboy (We Got Love): allora… questa Mariah, questa JLo, questa… brava artista che porta a casa il pezzo a brandelli, come il vestito… pero’ sberluccicoso!! Chissa’ come verra’ valutata da giurie e televoto.
— pausa pubblicitaria
17. Finlandia:  Saara Aalto (Monsters): Beh, sara’ per la visita di Mr Lordi che e’ venuto a trovarla, ma si e’ spesa un sacco! Chissa’ se sara’ stato un buon investimento!
18. Bulgaria:  EQUINOX (Bones): c’e’ una corista che lancia un acuto bellissimo all’inizio, ma non si vede, mentre l’unica donna del gruppo non sta cantando di sicuro, e’ seduta e con il microfono abbassato… devo scoprire chi sia.
Per il resto si sono divisi bene le parti per un brano di matrice svedese costruito a tavolino.. mah. Mi piaceva all’inizio, adesso sono passata oltre.
19. Moldavia:  DoReDoS (My Lucky Day): loro sono belli sempre! Geniale la coreografia, con il cantante in rosso con tacchi e calze per mimare la donna con il vestito giallo dietro alla struttura a sportelli e’ fantastica! La canzone e’ allegra e con una melodia tradizionale per quelle zone.
20. Svezia:  Benjamin Ingrosso (Dance You Off): la regia deve aver aggiunto uno stacco col pubblico per avere il tempo di montare tutta la struttura coi tubi luminosi che utilizza… in ogni caso alla fine l’esibizione c’e’, anche se personalmente non apprezzo molto il timbro vocale. Comunque fara’ bene per me.
21. Ungheria:  AWS (Viszlát Nyár): Loro sono fortissimi. Una collega di un sito che tratta di metal mi ha detto che per il genere non sono un gran che… ma all’Eurovision sono diversi dagli altri. Il chitarrista si e’ buttato sul pubblico.. e gli e’ andata bene.
22. Israele:  Netta (TOY) Oggi alle prove del pomeriggio non era acceso il microfono di Netta, invece stasera e’ andata bene. Credo che tutti i suoni da gallina, i colori, le smorfie, le bamboline.. facciano perdere di vista il tema della canzone… che sarebbe serio! Lei alla fine fa un acuto, giusto per ricordare che e’ una musicista e una brava cantante, non solo una caratterista.
23. Paesi Bassi:  Waylon (Outlaw In ‘Em): qui in sala stampa c’e’ una ragazza che ha una camicia come quella di Waylon, non so se sia una fan o semplicemente sia il suo stile…
comunque ho parlato un po’ della scelta dei ballerini- musicisti con degli inviati qui, e tutti mi hanno detto che il “problema” (c’e’ stata una polemica, che lui ha ripreso in conferenza stampa ieri) non e’ certo il colore dei figuranti, quanto lo stile nel movimento, che e’ poco country.. ci sta!
24. Irlanda:  Ryan O’Shaughnessy (Together) attesissima esibizione dei due ballerini, mentre il cantante con corista finta pianista sono abbastanza ignorati. Credo che essersi classificato sia gia’ abbastanza.
25. Cipro: Eleni Foureira (Fuego): i social riportano una foto dei tre “albanesi” a questo Eurovision: lei, Meta e Bushpepa.. chissa’ l’Albania come votera’, alla fine! Ma anche i fan albanesi sparsi in giro!
Grande esibizione, se si vuole una vincitrice lei si offre volontaria!
26. Italia:  Ermal Meta e Fabrizio Moro (Non Mi Avete Fatto Niente) l‘esibizione e’ definita, avanti cosi’. Platea applaude ma composta. 

 Ecco!!
Domani ci aspettano news varie, post, di pomeriggio lo show per le famiglie, alle 18.00 italiane la diretta.. e poi dalle 21.00 la FINALEEE!!! In Italia su Rai 1 ecc ecc…
Con voting, conferenza stampa… festa e saluti! 🙂 All Aboard!! 🙂